Il Palio è preceduto il sabato sera dal CORTEO STORICO, una sfilata in costume che si snoda per le vie cittadine in un suggestivo ambiente medioevale.
I figuranti rappresentano i popolani e le famiglie nobili di ogni terziere e vengono suddivisi in 6 balie: del terziere del Castello fanno parte la Balia di San Miliano, Piaggia, Bovara, la Pigghie, villa di Pettino e il castello di Bonasbarra.
I costumi del terziere del Castello sono il risultato di numerose ricerche e si rifanno fedelmente ai dipinti degli artisti dell’epoca come Giotto e Simone Martini.
Quella notte dopo il passaggio del corteo si possono ammirare in piazza del comune tutta l’emozionante cerimonia di benedizione dei corridori , la riconsegna della sacra chiave, il cerimoniale (l’estrazione riguardante l’ordine di partenza della gara che si andrà a svolgere il giorno seguente) e le bellissime allegorie di ogni terziere , queste rievocano balli e battaglie  medievali.

Per quanto riguarda il cerimoniale quest’anno sono state apportate delle modifiche, precedentemente venivano portate in piazza tre colombe aventi nelle zampe un biglietto per ogni colomba con su scritto il nome di un terziere. Ogni console sceglieva la propria colomba e in base all’ordine di apertura dei biglietti veniva estratto il terziere che avrebbe corso per primo, a seguire il secondo e così anche il terzo.

Da quest’anno l’estrazione verrà effettuata attraverso un ampolla nella quale i tre consoli inseriranno un biglietto, con su scritto il nome del proprio terziere. Dopodiché sarà compito del capitano del popolo (personaggio SUPER PARTES) ad estrarre i biglietti e quindi l’ordine di partenza della corsa dei carri.

Una volta svolta la corsa, il palio verrà consegnato da tre fanciulle (una per ogni terziere) al podestà il quale a sua volta lo consegnerà al console del terziere vincitore.